Contatore delle Visite

Cerca

Prefetto fa ricorso a se stesso per aver parcheggiato in spazio disabili

DiAlgieri

Prefetto fa ricorso a se stesso per aver parcheggiato in spazio disabili

Anche i prefetti devono fare i ricorsi, a volte a se stessi, sperando di avere il buon senso che di accoglierlo o respingerlo, anche se, se un prefetto fa ricorso a lui stesso, certamente è per accoglierlo.
Ad avviare questa procedura è il prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi, che ha inoltrato ricorso contro una multa per aver parcheggiato la propria auto in uno spazio riservato agli automobilisti disabili.
Non c’è niente di più brutto che parcheggiare invadendo i posti riservati ai disabili, perchè è una grande mancanza di rispetto verso i nostri cittadini che sono in difficoltà, ma anche una frode contro lo Stato, che mette a disposizione questi posti non di certo per i suoi rappresentanti istituzionali, che per altro possono godere di ben altri privilegi.

Il prefetto si difende affermando che il divieto di sosta fosse parziale, e dovuto ad un guasto alla propria autovettura che rendeva impossibile lo spostamento della stessa.
Dopo aver pagato regolarmente la multa, il prefetto ha però fatto ricorso a se stesso per la decurtazione dei punti sulla patente, cosa che ritiene illogica visto che non poteva fare altro che lasciare li la macchina che aveva un guasto al motore.
Premiamo senza dubbio il senso civico del dirigente statale, nel pagare la multa, un po meno l’idea di fare il ricorso a se stesso, che sa molto di ridicolo.

Quel che certo imbarazza è infatti il fare ricorso a se stessi. Comunque è anche vero, che se verrà accertato il guasto alla vettura, magari il povero prefetto potrebbe essere giustificato, anche se dovremmo metterci nei panni del povero invalido che vistosi sottratto il parcheggio avrà dovuto trovare posto lontano da casa, con enormi difficoltà.

Fare ricorso al giudice di pace sarebbe stata magari una scelta più saggia.

    Info sull'autore

    Algieri editor