Contatore delle Visite

Cerca

Classi molto numerose anche in presenza di alunni con disabilità grave: cosa fare?

Diadmin

Classi molto numerose anche in presenza di alunni con disabilità grave: cosa fare?

Fonte www.disabili.com – Anche quest’anno molti genitori lamentano la formazione di classi troppo numerose e ciò mette a rischio il processo di inclusione degli alunni con disabilità

Già in passato ci siamo occupati delle norme riguardanti il numero degli alunni per classe in cui siano presenti alunni con disabilità  e di come esse vengano spesso disattese. Le famiglie, purtroppo, anche per questa ragione non di rado sono state costrette negli anni a rivolgersi al tribunale amministrativo per riaffermare il diritto allo studio dei loro figli.
Nonostante le norme di riferimento siano chiare e definite, anche quest’anno il fenomeno si è ripresentato e molti genitori denunciano la formazione di classi molto numerose in presenza di alunni con disabilità, anche grave. A ciò si aggiunge la carenza di docenti di sostegno e di assistenti e tutto questo rende il processo di inclusione davvero molto difficile.

Cosa prevedono le norme in merito alla formazione delle classi in cui siano presenti alunni con disabilità e cosa fare nel caso esse vengano disattese?

Il testo normativo di riferimento è il DPR. n. 81/09, secondo il quale (art. 5, co 2) le classi iniziali delle scuole ed istituti di ogni ordine e grado, ivi comprese le sezioni di scuola dell’infanzia, che accolgono alunni con disabilità sono costituite, di norma, con non più di 20 alunni… Questo limite, purtroppo, molto spesso è disatteso. La disposizione, infatti, indica “di norma”, e ciò apre a possibili deroghe; poi, più avanti, richiama le esigenze di bilancio. Non solo. Nello stesso DPR (art. 4, co 1) si prevede una possibilità di deroga in misura non superiore al 10 per cento, al numero minimo e massimo di alunni per classe previsto, per ciascun tipo e grado di scuola… Ciò significa, comunque, che le classi iniziali, in presenza si alunni con disabilità, non devono superare il numero di 22 iscritti. A ciò si deve aggiungere che nelle circolari successive al DPR del 2009 il Miur ha sempre reiterato l’invito ad evitare di formare classi con più di 20 unità in presenza di alunni che presentano connotazione di gravità. Tuttavia, la realtà è purtroppo ben diversa e molte famiglie di alunni con disabilità sono costrette ogni anno a ricorrere al giudice poiché le classi in cui sono inseriti i propri figli superano abbondantemente i parametri stabiliti per legge.

Ricordiamo, a tal proposito, alcune importanti sentenze, come la n. 1367/16 del Tar Toscana, che ha sdoppiato una classe pollaio di 31 alunni frequentata da due ragazzi con disabilità e, più di recente, la n. 1173/18, con la quale il giudice ha sdoppiato una classe di 25 alunni in cui era iscritto un ragazzo con autismo. Il TAR della Toscana ha basato le sue motivazioni sulla Convenzione ONU sui Diritti delle Persone con Disabilità e sulla Sentenza n. 80/10 della Corte Costituzionale, secondo cui il diritto allo studio degli alunni con disabilità non può essere violato per esigenze di bilancio. 

Gli uffici scolastici, dunque, spesso nell’autorizzare il numero delle classi non tengono conto della presenza di alunni con disabilità. Le famiglie, sempre più spesso, si rivolgono al giudice che si pronuncia a loro favore. L’inizio dell’anno scolastico, purtroppo, non fa registrare alcuna inversione di tendenza rispetto al passato. Il limite è sovente esteso del 10 per cento, anche in presenza di situazioni di gravità e si registrano casi di classi molto numerose nelle quali sono presenti alunni con disabilità. Inoltre, il DPR citato fa riferimento esclusivamente alle classi iniziali, ma è opportuno che anche le classi successive non subiscano incrementi tali da creare ostacoli all’esercizio del diritto allo studio degli alunni.

Le famiglie, dunque, ancora una volta dovranno fare attenzione alle situazioni in cui siano disattese le disposizioni normative e chiedere l’immediata applicazione delle stesse, anche ricorrendo, se necessario, alle vie legali.

Info sull'autore

admin administrator

Per pubblicare un commento, devi accedere