Contatore delle Visite

Cerca

Blog

Diadmin

CONTRIBUTI LEGGI 438/1998 E 476/1987 – ANNO 2017

Fonte www.lavoro.gov.itIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali – Direzione Generale del terzo settore e della responsabilità sociale delle imprese – ha emanato le Linee guida del 8 marzo 2017 che disciplinano il procedimento per la richiesta dei contributi, buy bns gold per l’annualità 2016, new balance 574 homme gris previsti dalla legge n. Huston Street Baseball Jersey 438 del 15 dicembre 1998 e dall’art.

  • Adidas Stan Smith Uomo
  • 1,

  • Phoenix Suns
  • comma 2, Soldes Nike Pour Homme della Legge n.

  • Portland Trail Blazers
  • 476 del 19 novembre 1987.

      Diadmin

      ASCENSORI E BARRIERE ARCHITETTONICHE NEL CONDOMINIO: I DIRITTI DEI RESIDENTI CON DISABILITÀ

      Fonte www.disabili.com – Prendendo spunto da una recente sentenza della Corte di Cassazione, il sito disabili.com traccia uno schema relativo a condomini, ascensori, mobilità e abbattimento delle barriere architettoniche.

      LA SENTENZA – Con questa sentenza, la n. 24235/2016, si è deliberato che non è possibile costruire un’innovazione (nel caso specifico un ascensore) qualora esso comprometta l’utilizzo di un bene da parte anche di un solo singolo condomino (qui, un box garage). Il diritto di proprietà, infatti, prevale sul diritto della persona con disabilità di intervenire sull’edificio per abbattere le barriere architettoniche, e questo diritto reca con sé i benefici di utilizzo che si possono trarre dal bene di proprietà presenti o futuri. Perciò, ed è il caso specifico in oggetto, anche se nel momento in cui si discute della realizzazione o meno della modifica edilizia quel bene non è utilizzato, comunque il suo proprietario ha diritto a non vedersi lesa la possibilità di utilizzarlo in futuro e di conseguenza sarà vietata qualsiasi modifica dello stabile che possa pregiudicare la fruizione del bene in esame.

      QUALI ARTICOLI SONO INDEROGABILI PER COSTRUIRE IN CONDOMINIO – Ricordiamo infatti che il Codice Civile disciplina in maniera chiara le modalità di realizzazione di modifiche all’interno di uno spazio condominiale. In particolare sono da tenere presenti gli artt. 1120 e 1121 che riguardano le innovazioni e le innovazioni gravose e voluttuarie, e l’art. 1136 relativo alla validità del voto dell’assemblea. Nike Air Max 2017 Femme Gli interventi volti all’eliminazione delle barriere architettoniche non possono in alcun caso ovviare a questi articoli, come ricorda la legge 13/1989 in materia di eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati all’art. asics gel kinsei 5 vs nimbus 17 2:

      “Le deliberazioni che hanno per oggetto le innovazioni da attuare negli edifici privati dirette ad eliminare le barriere architettoniche […] sono approvate dall’assemblea del condominio, in prima o in seconda convocazione, con le maggioranze previste dall’articolo 1136, secondo e terzo comma, del codice civile. […] Resta fermo quanto disposto dagli articoli 1120, secondo comma, e 1121, terzo comma, del codice civile.”

      Anche la Corte di Cassazione aveva ribadito in un’altra occasione che l’art. Fjallraven Kanken mini 1120 del C.C. nike air max 1 ultra moire mujer non può essere ignorato, e così infatti è stato ripetuto nella sentenza di novembre 2016. nike pas cher Con l’articolo 1120 del Codice Civile si precisa che “I condomini, con la maggioranza indicata dal quinto comma dell’art. 1136, possono disporre tutte le innovazioni dirette al miglioramento o all’uso più comodo o al maggior rendimento delle cose comuni ma sono vietate le innovazioni: 1) che possano recare pregiudizio alla stabilità o alla sicurezza del fabbricato; 2) che ne alterino il decoro architettonico; 3) che rendano talune parti comuni dell’edificio inservibili all’uso o al godimento anche di un solo condomino.”

      IL DIRITTO DI PROPRIETÀ E DI USO DEL BENE DA PARTE DEL SINGOLO – In riferimento a quest’ultima clausola, in particolare, la sentenza di novembre 2016 ha sottolineato come “la condizione d’inservibilità del bene comune all’uso o al godimento anche di un solo condomino è riscontrabile anche nel caso in cui l’innovazione produca una sensibile menomazione dell’utilità che il condomino precedentemente ricavava dal bene”. Nel caso specifico, anche se il condomino contrario all’installazione dell’ascensore non usava il box garage adiacente, comunque ne era proprietario, e sarebbe stato leso nella possibilità del suo utilizzo, qualora l’ausilio fosse stato installato. Così spiega la sentenza: “L’innovazione in oggetto violava l’articolo 1120 c.c., comma 2, perché lo spazio di mq. 1,12 lasciato libero per il passaggio menomava gravemente il godimento della stessa area comune e degli immobili di proprietà. Ciò si desumeva dal fatto che tale misura era inferiore a quella minima di m. buy bns gold 1,20 fissata dal Decreto Ministeriale n. 236/1989, articolo 4.1.10, relativamente al superamento delle barriere architettoniche, per la lunghezza delle rampe di scale, e impediva il passaggio contemporaneo di due persone e quello di una barella con un’inclinazione massima del 15% lungo l’asse longitudinale.”

      In materia di abbattimento di barriere architettoniche è dunque sempre opportuno accertarsi di non arrecare danno – o limitare i diritti – a nessuno degli condomini, pena l’impossibilità di eseguire le opere che ci aiuteranno a vivere meglio.

      INFO UTILI DA SAPERE – Di seguito alcuni riferimenti normativi utili per essere a conoscenza dei vincoli in materia di costruzione edilizia:

      1) La Corte di Cassazione ha sentenziato (14096/2012) che l’ascensore, in qualità di elemento necessario per l’abitabilità di un appartamento ed innovazione diretta all’eliminazione delle barriere architettoniche può essere installato anche in deroga alla normativa sulle distanze minime, previste dal Testo Unico per l’Edilizia (art. 79 D.P.R. 380/2001) e dagli artt. asics scarpe bimbo 873 e 907 Codice Civile, che prescrivono una distanza minima di 3 metri utile a garantire le giuste condizioni di salubrità e salute.

      2) La legge che disciplina la modalità di esecuzione di interventi per il superamento e l’abbattimento delle barriere architettoniche è la L. new balance grigie bambino n. 13/1989.

    • NIKE ROSHE TWO
    • In questa legge all’art. 2 si precisa che questo tipo di interventi devono comunque mantenere validi gli articoli 1120 (comma 2) e 1121 (comma 3) del C.C.

        Diadmin

        IL 21 MARZO LA WORLD DOWN SYNDROME DAY CONFERENCE

        Fonte UN Enable – È prevista per il 21 marzo p.v. asics gel noosa hombre – Giornata Mondiale della Sindrome di Down – la sesta World Down Syndrome Day Conference, New Balance 998 damskie organizzata dall’associazione Down Syndrome International.

        La sede è di prestigio: il quartier generale ONU a New York.

        Vi prenderanno parte Self-Advocates e le associazioni che lavorano con e per loro, new balance 1600 femme blanche con l’obiettivo di sensibilizzare ed influenzare Governi e politici per arrivare alla piena inclusione sociale delle persone con la Sindrome di Down con pari diritti e pari opportunità in tutti gli ambiti della società.

        Parallelamente, adidas bambino stan smith il 21 e 22 marzo,

          Diadmin

          PERMESSI 104 – DOMANDA DI PERMESSI PER IL LAVORATORE CON GRAVE DISABILITÀ E PER IL FAMILIARE

          Fonte www.superabile.it – Il sito superabile sintetizza le indicazioni per i permessi della L.104/92. asics gel noosa tri opinioni Vediamo di seguito lo schema riassuntivo evidenziando la novità relativa alla fruizione dei permessi in una situazione di unione civile e per il convivente di fatto che presti assistenza. Infatti, nella circolare 38 del 27 Febbraio 2017, INPS fornisce informazioni in merito alla concessione dei permessi legge 104/92 e le modalità di presentazione della domanda in relazione alle innovazioni introdotte dalla Legge 76/2016 sulle unioni civili e dalla sentenza della Corte Costituzionale 213/2016 sulle convivenze di fatto. Nella circolare si legge che, nelle more delle implementazioni procedurali, le persone unite civilmente e i conviventi di fatto per richiedere i relativi benefici lavorativi potranno presentare domanda cartacea tramite posta elettronica certificata o mezzo equivalente (raccomandata con ricevuta di ritorno o presentazione della domanda allo sportello)

          Dipendenti privati

          Il lavoratore con disabilità e il familiare che lo assiste e che ne abbia i requisiti previsti dalla legge, potrà inoltrare domanda di permessi 104/92 in via telematica tramite il sito del’INPS. Tutti i cittadini che ne abbiano i requisiti, potranno collegarsi al sito www.inps.it e, previa identificazione potranno inserire i dati necessari alla compilazione del modulo. Con circolare 117 del 27 settembre 2012, l’INPS comunicava che è stata attivata la procedura di presentazione telematica delle domande di permessi per l’assistenza al familiare con disabilità in situazione di gravità (art. 33 Legge 104/92). New Balance 009 damskie Dal 1 ottobre 2012, tutte le domande sono presentate esclusivamente in modalità telematica.

          I nuovi canali telematici saranno:

          WEB – L’accesso al servizio Web per l’invio on line delle domande per i permessi retribuiti ai sensi della legge 104/1992 acquisite via internet avviene collegandosi al sito dell’INPS (www.inps.it). Il Cittadino richiedente deve essere in possesso del PIN dispositivo. Il servizio è disponibile tra i servizi On Line dedicati al Cittadino; in particolare, una volta effettuato l’accesso, il cittadino dovrà selezionare le voci “Invio Domande di prestazioni a Sostegno del reddito, ” – Disabilità – Permessi Legge 104/92″;

          Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;

          Contact Center Multicanale – attraverso il numero verde 803164.

          L’inps, con il messaggio 18728 del 15 novembre 2012, chiarisce che tale modalità di presentazione della domanda è prevista solo per i lavoratori dipendenti del settore privato, mentre i lavoratori dipendenti pubblici (ex inpdap) devono continuare a far riferimento al proprio datore di lavoro.

          La domanda ha validità a decorrere dalla sua presentazione, non scade alla fine dell’anno solare (messaggio inps n. 39956 del 9.12.2004), non deve essere rinnovata annualmente allo scadere dei 12 mesi di validità circ. 53/2008 punto 4, dovrà essere completa delle previste dichiarazioni di responsabilità e, entro 30 giorni dal cambiamento, il richiedente i permessi dovrà comunicare le eventuali variazioni delle notizie o delle situazioni autocertificate nel modello di richiesta (circolare inps. Air Jordan Future n. 53/2008 punto 4).

          La domanda va ripresentata solo in caso di riconoscimento temporaneo della disabilità grave (circ. INPS 53/2008 punto 4). Il comma 6 bis art 25 del D.L. 24 giugno 2014, n. 90 stabilisce che: “Nelle more dell’effettuazione delle eventuali visite di revisione e del relativo iter di verifica, i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservano tutti i diritti acquisiti in materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura. La convocazione a visita, nei casi di verbali per i quali sia prevista la rivedibilità, e’ di competenza dell’Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS)”.

          La circolare INPS 127 dell’ 8/7/2016 interviene sulle innovazioni apportate dal decreto in esame e chiarisce che, in attuazione di questa disposizione, il lavoratore titolare dei permessi legge 104/92 con verbale in revisione alla data del 19/8/2014 e benché sia decorsa tale data può continuare a fruire degli stessi fino al completamento dell’iter sanitario e senza dover inoltrare nuova domanda di autorizzazione.

          L’esito della visita di revisione potrà produrre effetti differenti a seconda della conferma o meno dello stato di disabilità. Maglia Kobe Bryant L’innovazione prevede che ora INPS è tenuta alla convocazione mentre prima era il Cittadino che doveva presentare domanda per richiedere la visita di accertamento. Prima dell’entrata in vigore del D.L 90/2014, la domanda andava ripresentata solo in caso di riconoscimento temporaneo della disabilità grave (circ. INPS 53/2008 punto 4).

          Dipendenti pubblici

          Il Dipartimento Funzione pubblica con circolare n.13/2010 (punto 7) e l’inpdap con circolare n. 1/2011 (punto 7) prevedono che, il dipendente che intende fruire delle agevolazioni deve presentare all’ufficio di appartenenza, utilizzando i modelli di domanda previsti dall’Istituto, la domanda corredata da idonea documentazione che comprovi la sussistenza dei presupposti che legittimano la richiesta. Inoltre il dipendente dovrà produrre:

          • Verbale della commissione medica che attesti il riconoscimento della situazione di disabilità grave;

          • Dichiarazione sostitutiva (ex artt. 46 e 47 del D.P.R. Adidas Zx 850 Heren 445/2005), nella quale dovrà essere certificata l’esistenza delle condizioni che legittimano la fruizione dei permessi retribuiti. Il dipendente, oltre a quanto sopra, dovrà produrre una dichiarazione sottoscritta di responsabilità dalla quale risulti che:

          • Il dipendente presta assistenza nei confronti della persona con disabilità per il quale sono chieste le agevolazioni ovvero il dipendente necessita delle agevolazioni per le necessità legate alla propria situazione di disabilità;

          • Il dipendente è consapevole che le agevolazioni sono uno strumento di assistenza della persona con disabilità e, pertanto, il riconoscimento delle agevolazioni stesse comporta la conferma dell’impegno, morale oltre che giuridico, a prestare effettivamente la propria opera di assistenza;

          • Il dipendente si impegna a comunicare tempestivamente ogni variazione della situazione di fatto e di diritto da cui consegua la perdita della legittimazione alle agevolazioni.

          Disposizioni comuni

          Ogni modifica della situazione di fatto e di diritto, va comunicata tempestivamente da parte del dipendente e determinerà la sospensione o la cessazione della titolarità al beneficio.

          E’ infatti di tutta evidenza che, le agevolazioni previste dal dettato normativo, spettano esclusivamente alle persone legittimate in base alla legge.

          Documentazione – eccezioni

          Le persone con sindrome di Down, su richiesta corredata da presentazione del cariotipo, sono dichiarate, dalle competenti commissioni insediate presso le aziende sanitarie locali o dal proprio medico di base, in situazione di gravità ai sensi dell’articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, ed esentate da ulteriori successive visite e controlli (Art 94 – comma 3 della Legge 27 dicembre 2002, n. 289 – Finanziaria 2003 e Circolare INPS 11 luglio 2003, n. 128).

          I grandi invalidi di guerra ed equiparati per effettuare la richiesta possono produrre copia dell’attestato di pensione (Mod. Zapatillas Adidas Baratas 69) o del decreto di concessione rilasciati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (Circolare INPS 11 luglio 2003, n. Justin Forsett Ravens Jerseys 128). new balance femme u420 bleu Natura giuridica dell’Istituto di riconoscimento del diritto alla fruizione dei permessi

          L’INPS nella circolare n.

        • AIR ZOOM PEGASUS 34
        • 53 del 29 Aprile 2008 definisce la natura giuridica dell’istituto di riconoscimento del diritto alla fruizione dei permessi. Per fare ciò riprende due principi affermati nella sentenza (5 gennaio 2005 n. 175) della Corte di Cassazione:

          1. “è il datore di lavoro destinatario dell’obbligo di concessione di tre giorni di permesso mensile a favore del lavoratore che assiste una persona con handicap in situazione di gravità”

          2. “la circostanza che l’istituto previdenziale sia deputato a restituire al datore di lavoro le somme corrisposte…, attiene esclusivamente all’aspetto economico e non incide sul diritto del lavoratore a beneficiare del permesso retribuito”. Il provvedimento di concessione del beneficio da parte dell’INPS è unicamente di carattere previdenziale e si concretizza con un’autorizzazione preventiva al datore di lavoro a compensare le somme eventualmente corrisposte a tale titolo con i contributi obbligatori.

          Quindi il datore di lavoro ha il diritto – dovere di verificare in concreto l’esistenza dei presupposti di legge per la concessione dei permessi.

            Diadmin

            MODELLO EAS: ENTRO IL 31 MARZO LA COMUNICAZIONE DI VARIAZIONI DEI DATI FISCALI

            Fonte www.nonprofitonline.it Le quote e i contributi associativi nonché, per determinate attività,

          • Roshe Run Donna Verdi
          • i corrispettivi percepiti dagli enti associativi privati, in possesso dei requisiti richiesti dalla normativa tributaria, non sono imponibili. Per usufruire di questa agevolazione è necessario che gli enti trasmettano in via telematica all’Agenzia delle Entrate i dati e le notizie rilevanti ai fini fiscali, mediante l’apposito modello EAS. nike air max 1 leopard solde

            Questo modello deve essere inviato, Under Armour Shoes in via telematica

            – direttamente dal contribuente interessato tramite Fisconline o Entratel, oppure tramite intermediari abilitati a Entratel

            – entro 60 giorni dalla data di costituzione degli enti. Il modello deve essere, inoltre, nuovamente presentato quando cambiano i dati precedentemente comunicati;

            la scadenza, Chaussure Adidas in questa ipotesi, è il 31 marzo dell’anno successivo a quello in cui si è verificata la variazione. In caso di perdita dei requisiti qualificanti (previsti dalla normativa tributaria e richiamati dall’articolo 30 del Dl n. 185/2008) il modello va ripresentato entro sessanta giorni, compilando la sezione “Perdita dei requisiti”.

            Nel caso di variazioni dei dati, non è obbligatorio presentare un nuovo modello nel caso in cui, nella sezione “Dichiarazioni del rappresentante legale” del modello EAS, si verifichi una variazione dei soli dati relativi agli importi di cui ai punti 20 e 21, oppure del numero e dei giorni delle manifestazioni per la raccolta di fondi di cui al punto 33, oppure dei dati di cui ai punti 23, 24, 30 e 31.

            Si ricorda che sono esonerati dalla comunicazione dei dati fiscali:

            – gli enti associativi dilettantistici iscritti nel registro del Coni che non svolgono attività commerciale

            – le associazioni pro-loco che hanno esercitato l’opzione per il regime agevolativo in quanto nel periodo d’imposta precedente hanno realizzato proventi inferiori a 250.000 euro (Legge n° 398/1991 – Regime speciale Iva e imposte dirette)

            – le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali che non svolgono attività commerciali diverse da quelle marginali individuate dal Dm 25 maggio 1995 (per esempio, attività di vendita di beni acquisiti da terzi a titolo gratuito, iniziative occasionali di solidarietà, attività di somministrazione di alimenti e bevande in occasioni di raduni, nike air force 1 low hombre manifestazioni e simili)

            – i patronati che non svolgono al posto delle associazioni sindacali promotrici le loro proprie attività istituzionali.

            – le Onlus di cui al decreto legislativo n° 460 del 1997 – gli enti destinatari di una specifica disciplina fiscale (per esempio, i fondi pensione)

            Invece possono presentare il modello Eas con modalità semplificate i seguenti enti:

            – le associazioni e società sportive dilettantistiche riconosciute dal Coni, Canotte nba a poco prezzo diverse da quelle espressamente esonerate

            – le associazioni di promozione sociale iscritte nei registri di cui alla legge n° 383 del 2000

            – le organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alla legge n° 266 del 1991, diverse da quelle esonerate per la presentazione del modello (le organizzazioni di volontariato che non sono Onlus di diritto)

            – le associazioni iscritte nel registro delle persone giuridiche tenuto dalle prefetture, Roshe Run Femme Pas Cher dalle regioni o dalle province autonome ai sensi del Dpr 361/2000

            – le associazioni religiose riconosciute dal Ministero dell’interno come enti che svolgono in via preminente attività di religione e di culto, nonché le associazioni riconosciute dalle confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, New Balance 577 damskie accordi o intese

            – i movimenti e i partiti politici tenuti alla presentazione del rendiconto di esercizio per la partecipazione al piano di riparto dei rimborsi per le spese elettorali ai sensi della legge n° 2 del 1997 o che hanno comunque presentato proprie liste nelle ultime elezioni del Parlamento nazionale o del Parlamento europeo

            – le associazioni sindacali e di categoria rappresentate nel Cnel nonché le associazioni per le quali la funzione di tutela e rappresentanza degli interessi della categoria risulti da disposizioni normative o dalla partecipazione presso amministrazioni e organismi pubblici di livello nazionale o regionale, Kanken 16L le loro articolazioni territoriali e/o funzionali gli enti bilaterali costituiti dalle anzidette associazioni gli istituti di patronato che svolgono, in luogo delle associazioni sindacali promotrici, le attività istituzionali proprie di queste ultime

            – l’Anci, comprese le articolazioni territoriali

            – le associazioni riconosciute aventi per scopo statutario lo svolgimento o la promozione della ricerca scientifica individuate con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (per esempio,

              Diadmin

              AFRICA E DISABILITÀ: ARRIVA UN TOOLKIT

              Fonte www.un.org – In Africa vi sono moltissime persone con disabilità che affrontano quotidianamente enormi problemi senza nessun tipo di ausilio e supporto e versando così in condizioni di vita terribili.

              Per tale motivo l’UNDESA – il Dipartimento per l’Economia e gli Affari Sociali dell’ONU – ha predisposto un Toolkit sulla disabilità dedicato proprio al continente africano.

              Scopo del Toolkit (composto da diversi moduli) è fornire strumenti pratici su varie questioni legate alla disabilità a funzionari governativi, Canotte Cleveland Cavaliers membri del parlamento,

            • LUNAREPIC FLYKNIT
            • civile e funzionari pubblici a tutti i livelli, Air Max 90 Yeezy alle organizzazioni,

            • Scarpe Jordan
            • e atutti coloro che lavorano per l’inclusione delle persone con disabilità nella società; sostenere l’attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità (UNCRPD); offrire esempi di buone pratiche provenienti da molti paesi della regione africana.

                Diadmin

                PUB ACCESSIBILI, DALLA GRAN BRETAGNA ARRIVANO LE “LINEE GUIDA” IN 6 PUNTI

                Fonte www.superabile.it “I pub sono per tutti. Perché essere accessibile è importante”: ne è convinta la British Beer and Pub Association (Bbpa),

              • Nike Flyknit Racer Men
              • che in questi giorni ha pubblicato sul suo sito delle vere e proprie linee guida per l’accessibilità dei locali simbolo della Gran Bretagna.

                La guida mette in evidenza le varie fasi degli interventi necessari per garantire l’accessibilità dei locali: dalle rampe di accesso alla dimensione della porta, nike air max 1 premium mujer dai segnali acustici ai menù scritti in caratteri grandi. La guida sottolinea anche l’importanza della formazione del personale, Jarrett Lee – LSU Tigers perché il pub sia in grado di soddisfare le esigenze dei clienti con disabilità, e il personale sappia compiere in modo adeguato le proprie mansioni.

                “I pub sono la casa dell’ospitalità e continuano a svolgere un ruolo fondamentale nelle comunità locali di tutto il paese – si legge nell’introduzione della guida – Rinomati per l’eccezionale servizio ai clienti,

              • Golden State Warriors
              • è naturale che i pub stiano lavorando sodo per migliorare l’accessibilità per tutti. Sebbene la maggior parte siano piccoli locali e a volte con vincoli storici, un numero sempre crescente di locali stanno cercando di rendersi accessibili, tramite aggiustamenti spesso creativi e innovativi. Che si tratti di un drink con gli amici, di un pasto con tre portate, asics femme pas cher di una serata di musica dal vivo, questi aggiustamenti stanno permettendo a sempre più persone di godere dei tanto amati pub britannici”.

                Come evidenzia chiaramente l’associazione, non si tratta solo di un impegno socialmente dovuta, ma anche economicamente fruttuoso, Adidas Pas Cher dal momento che “oltre mezzo milione di turisti stranieri con problemi di salute o disabilità visitano l’Inghilterra ogni anno, spendendo intorno agli 0,3 miliardi di sterline”.

                L’associazione individua quindi i 6 “passi” verso l’accessibilità che questi locali possono compiere, Nike Air Max 2017 Dames zwart se vogliono diventare davvero per tutti.

                Primo, rampa rimovibile di accesso: “è un modo efficace per rendere l’ingresso più semplice possibile e potrebbe essere condivisa con gli altri punti vendita al dettaglio vicino”.

                Secondo, adidas stan smith donna installazione di “hearing loop”, Nike Air Max 2017 Goedkoop ovvero sistemi acustici per persone con disabilità uditiva;

                terzo, menù stampati con caratteri grandi, buy bns gold più semplici da consultare per chi ha problemi di vista e non solo;

                quarto, “un servizio igienico accessibile è un valore aggiunto in qualsiasi pub e sarà un fattore chiave per attrarre chi ha esigenze speciali”;

                quinto, “garantire che il personale sia addestrato a soddisfare le esigenze dei clienti con disabilità e sappia utilizzare gli strumenti dell’accessibilità presenti nel locale”;

                infine, “assicurarsi che il percorso per il bar e il WC sia privo di ostacoli e facile da raggiungere”.