Contatore delle Visite

Cerca

Archivio degli autori admin

Diadmin

BUON COMPLEANNO 328!

A 10 anni dall’emanazione della L. 328/2000 a che punto siamo?
Anffas Onlus lancia una campagna nazionale: anche tu puoi partecipare
 L’8 novembre di dieci anni fa (8 novembre 2000) il Parlamento Italiano approvava la Legge 328 intitolata “Legge Quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali”.
Nelle cronache di quei giorni la conclusione del lunghissimo iter della Legge venne salutata come l’avvento di una nuova concezione dell’assistenza sociale che ribaltava i concetti definiti dalla precedente Legge sull’assistenza sociale, risalente addirittura al secolo scorso:
• Concepire l’intervento sociale non come intervento riparatore di un “danno” ma come strategia integrata finalizzata al Bene Essere della Persona, definendo i livelli essenziali delle prestazioni sociali, da finanziare anche attraverso il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali e la realizzazione del Piano Sociale Nazionale;
• Concepire le diverse competenze istituzionali non come confini burocratici e amministrativi entro cui difendere le proprie autonomie, ma come condizione di chiarezza sulle responsabilità dei diversi soggetti del sistema integrato;
• Concepire il ruolo dei soggetti di Terzo Settore non come supplente o più conveniente rispetto ai ruoli e ai costi della Pubblica Amministrazione, ma come portatori di interessi diffusi, a partire dal ruolo di advocacy e tutela dei diritti, delle istanze e dei bisogni dei cittadini, e quindi da intendere con ruoli attivi nella co-progettazione e nella ideazione degli interventi e dei servizi alla persona.
All’interno di questo corposo disegno c’è soprattutto un articolo che per le persone con disabilità riveste una importanza assoluta: l’art. 14 (progetti individuali per le persone disabili) che prevede il diritto di ogni persona con disabilità (e di chi lo rappresenta) di chiedere al Comune di scrivere il proprio progetto personalizzato di vita, d’intesa con la ASL e dei diversi soggetti sociali e istituzionali che devono agire per realizzare la piena integrazione sociale.
Un altro articolo di fondamentale importanza, rimasto del tutto disatteso, è l’art. 24 (Delega al Governo per il riordino degli emolumenti derivanti da invalidità civile, cecità e sordomutismo) che prevede la revisione dei sistemi di accertamento di invalidità civile e stato di handicap e delle provvidenze economiche collegate con il fine di meglio orientare l’obiettivo di tali misure verso il contrasto alla povertà e la promozione di incentivi alla rimozione delle limitazioni e valorizzazione delle capacità ed autonomie delle persone con disabilità, nonché lo snellimento delle procedure connesse.
Tuttavia, nonostante l’importanza di quanto previsto da questa Legge per migliorare la qualità di vita delle persone con disabilità e dei loro genitori e familiari, a distanza di ben dieci anni:
• i livelli essenziali di assistenza non sono stati definiti, il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali è stato più volte tagliato, il Piano Sociale Nazionale (approvato nel 2001) è rimasto lettera morta;
• le competenze attribuite alle Regioni, alle Province e ai Comuni sono state sì chiarite e definite, ma siamo ancora molto lontani dal vedere le politiche integrate tra loro, e siamo ancora distanti dalla tanto attesa e agognata integrazione socio-sanitaria;
• il ruolo dei soggetti di terzo settore è ancora troppo spesso inteso in modo sbagliato o come supplenti delle difficoltà e delle inerzie della Pubblica Amministrazione, o come soggetti che, al massimo, devono essere sentiti e ascoltati, ma senza creare le condizioni di partecipazione e negoziazione auspicate dalla Legge 328;
• L’art. 14 rimane largamente disatteso, inapplicato, ignorato!!
• L’art. 24 non e’ stato applicato ed i sistemi di accertamento sono basati su paradigmi superati e svolti con modalità che spesso creano iniquità e discriminazioni a danno delle persone con disabilità!
Anffas Onlus ( Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità) intende mobilitare le persone con disabilità e le loro Famiglie per rimettere al centro delle politiche sociali il diritto della persona di essere considerata nella sua globalità e continuità di CITTADINO E CITTADINA, prima ancora che DISABILE, nel pieno possesso e dispiego del proprio diritto di potere vivere la propria vita in condizioni di pari opportunità e non discriminazione (ART. 3 della Costituzione) Anffas promuove pertanto una CAMPAGNA NAZIONALE PER L’ATTUAZIONE DELLA LEGGE 328 del 2000 che partirà l’8 novembre e proseguirà anche nei mesi successivi, con una serie di iniziative sull’intero territorio nazionale.
In particolare:
La sensibilizzazione e sollecitazione a livello nazionale, regionale e locale delle istituzioni e dell’intera società civile; 
 L’avvio di una petizione on-line sul sito www.vita.it che invitiamo tutti a sottoscrivere collegandosi al seguente link: http://www.vita.it/news/view/108431; 
 Per l’applicazione dell’art. 14 la celebrazione del 3 dicembre, Giornata Internazionale delle Persone con Disabilità, con un’iniziativa simbolica: la contemporanea richiesta, da parte dei singoli cittadini, ai Comuni, anche in forza della CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA’, di procedere alla redazione CONCORDATA E CONDIVISA del progetto individuale (art. 14) di ciascuna persona con disabilità. Anffas sosterrà questa campagna nazionale anche attraverso l’inoltro di ricorsi per ottenere risposte e azioni concrete dai COMUNI e dalle ASL, così come conferma e dimostra la sentenza TAR Catania del 2010 che ha imposto all’Amministrazione Comunale di ottemperare a quanto indicato dalla Legge. 
La campagna è aperta all’adesione di tutti: singoli cittadini, persone con disabilità e loro famiglie, associazioni, enti ed istituzioni. 
Per partecipare ed avere maggiori informazioni basta collegarsi al sito www.anffas.net, scrivere, a nazionale@anffas.net o chiamare al n. 06/3611524.

Diadmin

ReciclArt

 

L’Evento svoltosi dal 12 al 14 Novembre 2010 presso il Palazzetto dello Sport in via dei Normanni a Rossano Scalo, anche l’Anffas-Onlus Corigliano è stata presente alla manifestazione.

Diadmin

REQUIEM PER L’INCLUSIONE

Comunicato Stampa
Requiem per l’inclusione
 
Porta il beffardo nome di “Legge di stabilità 2011” il provvedimento del Governo all’esame della Camera in queste ore, che una volta approvato renderà definitivamente precarie le già critiche condizioni di vita di migliaia di persone con disabilità e delle loro famiglie, tra le prime a risentire in questi anni delle conseguenze della crisi economica globale.
Sbiadiscono al confronto le avvisaglie avute con la precedente manovra economica. La proposta di legge C 3778, che sarà sottoposta nei prossimi giorni alle votazioni dell’Assemblea, potrebbe spazzare via in un sol colpo quanto si è tentato di costruire in questi anni per garantire un barlume di inclusione sociale per le persone con disabilità di questo Paese.
Basti pensare al Fondo Nazionale per le non autosufficienze, istituito nel 2006 con l’obiettivo di sviluppare prestazioni mirate alla “attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali”, che verrà definitivamente azzerato a seguito di questo provvedimento, mettendo brutalmente fine a molti percorsi di presa in carico delle persone con disabilità da parte dei servizi.
A questo vuoto andrà a sommarsi la drastica riduzione prevista anche per il Fondo per le politiche sociali. Una combinazione esplosiva di tagli indiscriminati che rappresenta una spallata contro moltissimi tentativi di far uscire le persone con disabilità dagli istituti. Diritti, come quello ad una vita indipendente, ai quali il Governo risponde con uno stop definitivo a tutti quei progetti mirati alla permanenza nella comunità delle persone con disabilità, a cominciare da quelle che non hanno più una famiglia in grado di supportarli.
Non è finita. La spinta verso gli istituti viene infatti ulteriormente esplicitata nel significativo taglio che interesserà il Fondo nazionale per il diritto al lavoro dei disabili. Senza servizi, senza opportunità, senza reddito, senza politiche mirate all’inclusione, l’unica alternativa prospettata dallo Stato resta solamente quella della reclusione.
“È una prospettiva apocalittica – commenta il presidente della FISH, Pietro Barbieri – quella che si presenta ai cittadini con disabilità che già oggi fanno i conti sui loro territori con le drastiche conseguenze dei piani di rientro regionali, e che assisteranno al rapido erodersi di quei pochi diritti ad oggi loro garantiti”.
“Non ci aspettiamo imbarazzi da parte degli estensori di queste norme – ha concluso Barbieri – ma confidiamo nel Parlamento affinché misure che gettano un tale discredito sulle nostre istituzioni possano essere prontamente respinte, e che si possa finalmente cominciare a ragionare con serietà sulle misure più opportune per migliorare il nostro attuale sistema di welfare, senza dare seguito a questo smantellamento senza precedenti”.

Diadmin

FORUM TERZO SETTORE

Il Forum del Terzo Settore della Città di Corigliano Calabro, avendo constatato,a seguito dei numerosi incontri richiesti, una assenza ingiustificata ed il più totale disinteresse verso una programmazione del settore da parte dell’attuale amministrazione comunale ed, in particolare , degli assessorati di competenza, informa la cittadinanza che si intendono ugualmente perseguire tutti gli obiettivi che questo organismo si è posto, in collaborazione con tutte le associazioni aderenti al Forum e non.
Il fine è quello di avviare al più presto gli interventi utili alla soddisfazione dei bisogni sociali e al sollievo dei disagi e alla valorizzazione dei beni culturali.
Così come concordato nelle precedenti riunioni, il Forum ha in programma delle iniziative sui temi largamente evidenziati all’amministrazione comunale per inaugurare , sin d’ora, una fase di programmazione veramente partecipata che riguardi i bisogni reali del nostro territorio con spirito fattivo e non di propaganda.
Il coordinamento presieduto, dal Dott. Gallo Angelo invita pertanto tutti i rappresentanti delle associazioni, della stampa locale e coloro i quali vogliono dare il loro contributo a formulare proposte per migliorare la qualità dei sevizi nel sociale e la crescita culturale della nostra città.
L’addetto stampa a nome del terzo settore