Contatore delle Visite

Cerca

Archivio mensile Giugno 2022

Diadmin

Anffas Onlus Corigliano abilitata dall’ INPS per la richiesta della DISABILITY CARD

Presso lo sportello SAI (Servizio Accoglienza e Informazioni) di Anffas Onlus Corigliano via degli Iris 15 Schiavonea, è possibile inoltrare la richiesta all’INPS della DISABILITY CARD.

La European Disability Card, in Italia chiamata Carta Europea della Disabilità, è una tessera unica europea che ha l’obiettivo di facilitare la piena inclusione nella vita sociale delle comunità utilizzabile sia in Italia che in altri paesi europei

per certificare i riconoscimenti ottenuti in ragione della condizione di disabilità presso gli uffici pubblici e/o per ottenere l’accesso gratuito o agevolato a beni o servizi, in base alle specifiche convenzioni che, man mano, verranno attivate con soggetti pubblici o privati.

Per ottenere la “Disability Card” è sufficiente avere ottenuto anche solo uno dei seguenti riconoscimenti:

  • invalidità civile superiore al 67% se maggiorenni o invalidità civile per i minori;
  • indennità di accompagnamento, “disabilità grave” ai sensi dell’art.3, comma 3 della l.n. 104/92, cecità o sordità civile, invalidità ordinaria (l. n. 222/84);
  • invalidità sul lavoro maggiore del 35% o con diritto all’assegno per l’assistenza personale e continuativa o con menomazioni dell’integrità psicofisica;
  • inabilità alle mansioni ai sensi della l.n.379/55, trattamenti di privilegio ordinari e di guerra.

 L’INPS verifica il possesso dei requisiti richiesti sulla base dei dati disponibili nei propri archivi o autocertificati in sede di presentazione della domanda e provvede alla consegna della carta presso l’indirizzo indicato nella domanda.Lo sportello SAI per la richiesta della Disability Card è aperto lunedì dalle 16,00 alle 17,30, per appuntamento  tel. 0983854879 o email sai@anffascorigliano.it

Diadmin

Dammi il cinque

PARTE UFFICIALMENTE LA CAMPAGNA ANFFAS 5×1000 “DAMMI IL CINQUE!”  

Fonte www.anffas.net – Dare il 5 cinque è universalmente riconosciuto come gesto di amicizia tra due persone ma per Anffas è qualcosa in più! Grazie alla devoluzione del 5permille, tuo o dei tuoi parenti, amici e conoscenti, Anffas potrà portare avanti le attività a sostegno di tutte le persone con disabilità e delle loro famiglie, in modo che nessuno rimanga più indietroo solo, in nessuna parte d’Italia.   CHE COS’È IL 5×1000?   È arrivato il momento di scegliere a chi devolvere il proprio 5permille dell’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF) nella dichiarazione dei redditi.
Come sempre, si tratta di una scelta che non rappresenta solo una pratica burocratica ma connota uno spiccato senso civico, un determinato posizionamento nonché una chiara identità sociale. È, in buona sostanza, una forma di partecipazione che conferma il legame del singolo cittadino ai valori e alla mission di una determinata realtà.   IL TUO 5×1000 AD ANFFAS   Anffas – rete associativa con 250 enti aderenti – opera sull’intero territorio nazionale dal 1958 e svolge le proprie attività, prestazioni e servizi a livello nazionale, regionale e locale dando quotidianamente risposta ad oltre 30.000 persone con disabilità grazie all’impegno di ca. 5.000 operatori e 10.000 volontari.
All’interno degli oltre 700 centri presenti sul territorio, Anffas garantisce attività abilitative/riabilitative, servizi diurni e residenziali, servizi per promuovere le autonomie, la vita indipendente e le attività di socializzazione e gestione del tempo libero nonché strutture per il “durante e dopo di noi”.

Anffas tutta si impegna, dunque, costantemente per la collettività ma il lavoro finora portato avanti rischia di risentire degli avvenimenti di questi ultimi anni…
Abbiamo bisogno di te!
Aiutaci anche tu
: con il tuo 5permille potrai sostenere l’Anffas del tuo territorio e garantire dignità, diritti e Qualità di Vita a tutte le persone con disabilità, specie intellettive e del neurosviluppo, e ai loro familiari. “Il valore del 5X1000 permette di migliorare le condizioni di vita di tante persone con disabilità intellettive e disturbi del neurosviluppo e dei loro familiari.”

SCRIVI QUESTO NUMERO