Contatore delle Visite

Cerca

IL TERZO SETTORE? ORA NON PUÒ PIÙ VIVERE DI RENDITA

Diadmin

IL TERZO SETTORE? ORA NON PUÒ PIÙ VIVERE DI RENDITA

Fonte www.vita.it – Mentre il governo fra il fine settimana e lunedì metterà a punto la versione definitiva della delega di riforma del Terzo Settore, che martedì sarà illustrata alla stampa dal ministro del Welfare Giuliano Poletti, ma che Vita.it è già stata in grado di anticipare ieri (vd qui), vale la pena tirare un primo bilancio e dare uno sguardo sul prossimo orizzonte con il sottosegretario con delega al non profit, Gigi Bobba, uno dei, se non il padre di questa Riforma.

Partiamo dai tempi: quando sarà operativa la nuova legge?

Abbiamo fatto il primo passo nella giusta direzione, il passaggio in Cdm è un trampolino fondamentale. Ora mi auguro che le Camere approvino la delega in tempi brevi, diciamo entro fine anno in modo da mettersi al lavoro con i decreti delegati a inizio 2015 e produrre i primi risultati entro la primavera, mettendo in cima all’agenda, penso all’impresa sociale, i temi su cui il confronto anche parlamentare è già a buon punto. Le materie più complesse, come quella della fiscalità, saranno invece regolamentate più con calma in modo da avere il tempo di completare l’analisi e il confronto. Mi sembra però che al di là dei singoli passaggi il testo uscito dal cdm però segni anche un punto di non ritorno: il non profit diventa un soggetto centrale per la comunità Italia. Mi sbaglio?

Quando Renzi ha detto che il Terzo Settore in realtà è il primo voleva dire che è finita l’epoca in cui questo segmento della società era da considerare come una ruota di scorta, oppure come “quei bravi ragazzi che fanno del bene”. Osservate bene: questo Governo nei suoi primi mesi di lavoro ha messo in cantiere quattro riforme: lavoro, pubblica amministrazione, riforma istituzionale e terzo settore. Ognuna di loro è completa le altre. Il terzo settore diventa protagonista della rinascita e della speranza di questo Paese nell’immaginare un nuovo welfare partecipato e di una nuova economia sociale capace di produrre ricchezza e coesione sociale.

Questo cosa comporta per le organizzazioni?

Per dirlo con uno slogan: che da oggi in poi il Terzo settore non può più vivere di rendita, ma deve mettersi nelle condizioni di proporre nuovi percorsi e nuovi luoghi in cui operare.

*Cui Anffas Onlus aderisce

    Info sull'autore

    admin administrator