Contatore delle Visite

Cerca

Per una riconversione in chiave inclusiva dei servizi dedicati alla disabilità

Diadmin

Per una riconversione in chiave inclusiva dei servizi dedicati alla disabilità

Fonte www.superando.it – Alla luce degli attuali stravolgimenti (pandemia, guerra, carovita), quali conseguenze ci saranno sui sistemi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali rivolti alle persone con disabilità? Su questo l’ANFFAS ha avviato una “RICERCA-AZIONE”, curata dalla propria componente lombarda, insieme all’Università Cattolica, che punta a fissare uno standard di processo per riconvertire i servizi semiresidenziali e residenziali in chiave inclusiva e superare ogni situazione segregante. L’importante iniziativa verrà presentata il 22 ottobre, durante l’Assemblea Nazionale dell’ANFFAS.

«Sebbene il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza rappresenti uno strumento di sistema attraverso cui garantire la ripresa del Paese e delle comunità – viene sottolineato dall’ANFFAS Nazionale (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale) -, oggi è necessario confrontarsi con una realtà estremamente complessa in un momento in cui i paradigmi che contraddistinguono la capacità di risposta ai bisogni e alle aspettative delle persone con disabilità devono tenere conto di un contesto che si è modificato in modo improvviso e radicale e che si compone oggi di elementi di assoluta novità e di transizione. A tal proposito, e alla luce di quanto sperimentato a partire dalla pandemia, che ha evidenziato i molteplici gap del settore sanitario del nostro Paese, e all’attuale conflitto in Ucraina, con i relativi aumenti dei costi energetici e la carenza delle materie prime, quali saranno le ricadute che tali stravolgimenti potranno avere sui sistemi sanitari, socio-sanitari e socio-assistenziali per la presa in carico delle persone con disabilità?».

Per tentare di rispondere a questo delicato e complesso quesito, «in presenza di una forte crisi sociale, una situazione che rischia di portare ad una ancora più forte contrazione dei diritti delle persone più fragili e dell’accesso ai sostegni necessari», la stessa ANFFAS ha dato recentemente avvio ad una specifica indagine, curata dalla propria componente lombarda, insieme all’Università Cattolica del Sacro Cuore, «una RICERCA-AZIONE a partire dal contesto attuale, con la necessità non più procrastinabile di modificare un sistema di servizi che prevede un’offerta statica di prassi e prestazioni desuete e cristallizzate. assolutamente non utili al miglioramento della Qualità di Vita delle persone con disabilità». Il tutto, quindi, con l’obiettivo «di creare un nuovo àmbito di intervento che realmente riesca a rispondere alle necessità delle persone con disabilità, andando a fissare uno standard di processo per riconvertire gli attuali servizi semiresidenziali e residenziali in chiave inclusiva e superare così nei diversi contesti, familiari, residenziali ecc. situazioni segreganti o istituzionalizzanti, anche attraverso iniziative che siano in grado di promuovere la progressiva deistituzionalizzazione verso soluzioni dell’abitare possibile per le persone con disabilità ad alta complessità».

Domani, 21 ottobre, e dopodomani, sabato 22, è in programma in presenza a Roma, ma anche online, l’Assemblea Nazionale dell’ANFFAS (se ne legga ampiamente a questo link), e sarà in tale sede che verrà illustrata l’importante indagine, esattamente nella mattinata di sabato 22 (ore 10.30-12.30). 

Info sull'autore

admin administrator