Contatore delle Visite

Cerca

Blog

Diadmin

“BENE IL DDL DI RIFORMA MA SERVE PIÙ EQUILIBRIO”

Il Forum Nazionale del Terzo Settore*, audito oggi (10 novembre 2014) in Commissione Affari Sociali della Camera, ha presentato le sue osservazioni ed emendamenti al testo del DDL di Riforma del Terzo Settore.

Il Forum Nazionale del Terzo Settore ha aperto le audizioni informali della XII Commissione “Affari Sociali” della Camera dei Deputati sul Disegno di Legge 2617 “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del Servizio Civile universale”. Con una panoramica ampia ed esaustiva di tutti gli articoli e temi della Riforma, la delegazione del Forum, guidata dal Portavoce Pietro Barbieri ha illustrato la posizione del Forum, nella sua qualità di parte sociale riconosciuta e di organismo di rappresentanza di oltre 75 organizzazioni nazionali di secondo e terzo livello, per un totale di circa 95.000 sedi territoriali.

“Abbiamo ringraziato la Commissione per il tempo e la speciale attenzione che ha inteso riservarci – dichiara Pietro Barbieri. L’incontro è stato molto interessante e abbiamo esposto le nostre aspettative e anche le nostre preoccupazioni, illustrando anche gli emendamenti emersi dal dibattito tra le nostre organizzazioni, e che abbiamo depositato con una nostra memoria. Desideriamo che la tanto attesa Riforma del Terzo Settore proceda spedita nel suo iter parlamentare e con questo obiettivo abbiamo concentrato su pochi essenziali punti le richieste di modifica. Abbiamo fatto presente la necessità che la Riforma non sia appiattita sul tema dell’Impresa Sociale, pur importante, e che al Volontariato e alla Promozione Sociale (che rappresentano circa il 90% del Terzo Settore Italiano) sia riservata pari attenzione. In questa direzione va la nostra richiesta di prevedere un fondo anche per i loro investimenti. Altri punti di attenzione che evidenziamo la centralità della libertà associativa e dell’agire senza scopo di lucro e la prevalenza delle finalità sulle attività come elementi caratterizzanti il Terzo Settore.

Il Forum e le sue organizzazioni – prosegue Barbieri – vogliono anche cogliere la sfida della responsabilizzazione e della trasparenza, e richiede l’introduzione di modalità e strutture di autocontrollo, sul modello della Charity Commission britannica, che agevolino l’azione di costruzione del vero capitale, quello reputazionale, delle organizzazioni di Terzo Settore. Non abbiamo mancato di far presente alla Commissione il tema delle risorse. Una Riforma di questo respiro deve poter contare su risorse certe e commisurate agli obiettivi di sviluppo e promozione del Terzo Settore che tutti auspichiamo. Come dichiarato sin dall’annuncio della Riforma, il Forum continuerà a fornire il proprio contributo perché si abbia una Riforma vera, utile e condivisa”.

*Cui Anffas Onlus aderisce

 

    Diadmin

    TERZO SETTORE, 10 ORE DI AUDIZIONI PER LA RIFORMA

    Fonte www.socaile.corriere.it – Andranno avanti per dieci ore. Senza sosta. Da oggi, 10 novembre, la commissione Affari sociali aprirà le porte a oltre 30 organizzazioni del non profit italiano. Saranno ascoltate una dopo l’altra. Saranno raccolte idee, critiche, proposte, suggerimenti. Il tema? La riforma del terzo settore. Il sottosegretario al ministero del lavoro e delle politiche sociali Luigi Bobba ha più volte ribadito il suo obiettivo, cioè quello di “portare il testo all’approvazione di almeno una delle due camere entro la fine dell’anno”.

    Quindi i tempi stringono. E così, dopo il lancio della proposta di riforma da parte del premier Renzi (lo scorso aprile in occasione del Festival del volontariato di Lucca) e dopo il conseguente tour di consultazioni col terzo settore durato mesi, il confronto sta arrivando alle strette finali.

    Per leggere l’articolo integrale clicca qui

     

      Diadmin

      MEZZI PUBBLICI INACCESSIBILI

      Fonte www.corriere.itDue grandi città capoluogo condannate, nel giro di un’estate, per inaccessibilità dei mezzi di trasporto pubblici. La prima è Torino, dove a giugno una sentenza del Tar ha giudicato il Comune piemontese inadempiente per quel che riguarda il diritto alla mobilità delle persone con disabilità.

      Nei prossimi sei mesi il Gruppo torinese trasporti (Gtt) dovrà approvare un piano contenente «idonee misure di programmazione e pianificazione degli interventi atti a eliminare le barriere architettoniche e a migliorare l’accesso degli utenti con disabilità al servizio di trasporto pubblico e agli spazi urbani», comprese «la realizzazione di percorsi accessibili e l’installazione di semafori acustici per non vedenti».

      Sorte simile è toccata, sempre in giugno, a Roma Capitale a causa dell’inaccessibilità della metropolitana: tanto l’ente locale quanto Atac (l’Azienda per la mobilità), riconosciuti entrambi colpevoli di condotta discriminatoria nei confronti delle persone con disabilità motorie, sono stati costretti sia risarcire i danni sia a pubblicare la sentenza di condanna su un noto quotidiano locale come pena accessoria.

      Due decisioni giudiziarie “storiche”, che costituiscono un precedente che dovrebbe fare scuola, che hanno premiato i ricorrenti – nel primo caso un pool di associazioni, nel secondo un singolo cittadino -, che invitano alla battaglia legale e che fanno ben sperare per il futuro dei diritti delle persone disabili. Sempre che le istituzioni ottemperino i provvedimenti dei giudici.

      Per leggere l’articolo integrale clicca qui

       

        Diadmin

        NON AUTOSUFFICIENZA: FONDO AUMENTATO

        Fonte www.redattoresociale.it – Secondo le associazioni non bastano, ma 400 milioni è una cifra che fa tornare il Fondo non autosufficienza ai livelli record del 2008-2010: ecco perché almeno al momento la decisione del governo, dopo gli incontri avuti dal Comitato 16 Novembre con Graziano Delrio e da Fish e Fand con Giuliano Poletti, soddisfa tutti.

        Ma se 250 milioni erano davvero troppo pochi, 350 rappresentavano la tenuta rispetto allo scorso anno e 400 milioni sono oggi un “buon compromesso” fra le richieste e le disponibilità effettive, quale è la cifra che corrisponde alle esigenze delle persone non autosufficienti in Italia? Di quanto, cioè, ci sarebbe bisogno? Almeno un miliardo, sostengono le associazioni, che continuano a chiedere per il futuro un incremento costante del Fondo fino a quella cifra.

        Portare dei numeri certi, però, non è affatto facile.

        I soldi del Fondo non autosufficienza – che coprono la quota sociale degli interventi di assistenza socio-sanitaria – vengono ripartiti fra le regioni e ognuna di esse li utilizza secondo propri criteri.

        “Ma”, spiega la coordinatrice degli assessori alle Politiche sociali della Conferenza delle regioni, Lorena Rambaudi, “di fatto noi rileviamo la richiesta, non il bisogno: ogni regione sa quante persone si rivolgono ai servizi, ma questo non è una rappresentazione del bisogno, che è evidentemente molto più grande”.

        per leggere l’articolo integrale clicca qui

         

          Diadmin

          FNA: 400 MILIONI PER IL 2015

          Nel pomeriggio (del 4.11.14) il Ministro del Lavoro Poletti ha incontrato i rappresentanti di FISH* e FAND per affrontare il tema del Fondo non autosufficienze 2015. Come noto, il FNA, nel disegno di legge di stabilità, subisce un taglio di 100 milioni, scendendo alla dotazione di 250.

          Durante l’incontro, il Ministro Poletti, sentita anche la Presidenza del Consiglio dei Ministri, ha rassicurato le federazioni che la dotazione 2015 arriverà a 400 milioni. Contestualmente il Comitato 16 novembre ha incontrato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio ottenendo analoga rassicurazione.

          L’incontro ha rappresentato per FISH anche l’occasione per attirare l’attenzione sul limitato finanziamento del Fondo nazionale politiche sociali e del Fondo per l’occupazione delle persone con disabilità. Quest’ultimo è azzerato per il 2015. Poletti su tali aspetti ha espresso la massima attenzione da parte del Governo, auspicando che nel corso della discussione della legge di stabilità quei fondi possano essere maggiormente finanziati.

          Poletti ha richiamato pure la centralità di momenti di programmazione delle politiche sociali per la disabilità anche avvalendosi dell’Osservatorio nazionale sulla condizione delle persone con disabilità.

          “Oggi le interlocuzioni mantenute nel corso degli anni da parte della FISH hanno restituito un risultato positivo. Non possiamo comunque non ringraziare il Comitato 16 novembre per la sua iniziativa utile al raggiungimento di questo traguardo. Ora dovremo prestare attenzione alla redazione del decreto di riparto del FNA stesso che verosimilmente verrà già delineato nelle prossime settimane. Oltre a ciò prosegue il lavoro di FISH sui tanti aspetti che riguardano la qualità della vita delle persone con disabilità.”, ha dichiarato Vincenzo Falabella, presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap.

          *Cui Anffas Onlus aderisce

          Per approfondire

          Leggi il comunicato stampa del Forum Terzo Settore

          Leggi la news “Disabilità, tre manifestazioni in quattro giorni”

           

            Diadmin

            FONDO NON AUTOSUFFICIENZA: BENE L’IMPEGNO ASSUNTO DAL GOVERNO, MA CI ASPETTIAMO ULTERIORI RISPOSTE

            Arriva in questi minuti (4.11.14, n.d.r.) un comunicato stampa di Palazzo Chigi che assicura che lo stanziamento per il Fondo per le non autosufficienze verrà incrementato fino a 400 milioni, un’azione sostenuta dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano Delrio e dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti che oggi (4.11.14, n.d.r.), rispettivamente, hanno ricevuto il “Comitato 16 novembre” e le Federazioni Fish e Fand, mobilitate contro i tagli al Fondo per la non autosufficienza.

            “Prendiamo atto di questo impegno del Governo sulle politiche per la disabilità, – dichiara il Portavoce del Forum Nazionale del Terzo Settore*, Pietro Barbieri – anche se spiace constatare che arriva dopo l’ennesima manifestazione di protesta, come è avvenuto troppe volte in questi anni”.

            Era un anno fa infatti quando abbiamo assistito a manifestazioni in cui i malati gravi di Sla e le persone con disabilità chiedevano rispetto dei loro diritti e risorse adeguate per coprire almeno i bisogni essenziali.

            “Saremo accanto alle Federazioni e ai malati per vigilare che l’impegno assunto oggi venga mantenuto. E auspichiamo che arrivino presto risposte adeguate anche in merito agli altri temi che abbiamo già segnalato, al Governo, costituire gravi mancanze nella Legge di Stabilità: dalla insufficienza delle misure di contrasto alla povertà, dei fondi per l’infanzia e l’adolescenza e degli altri fondi per le politiche sociali, al tema dell’aumento delle tassazioni per le Fondazioni di origine bancaria fino al taglio dei contributi per i patronati.”

            *Cui Anffas Onlus aderisce

            Per approfondire

            Leggi il comunicato stampa di Fish

            Leggi la news “Disabilità, tre manifestazioni in quattro giorni”

             

              Diadmin

              FONDO NON AUTOSUFFICIENZA, SPARISCE IL TAGLIO

              Fonte www.redattoresociale.itIl taglio di cento milioni al Fondo per la non autosufficienza sarà eliminato e per l’anno 2015 le risorse del Fondo non solo saranno riportate a quota 350 milioni ma arriveranno a 400 milioni, 50 in più rispetto alla cifra stanziata lo scorso anno.

              L’impegno è del sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio, che ha ricevuto a Palazzo Chigi una delegazione del Comitato 16 Novembre, impegnato fin dalla prima mattina in un presidio di protesta davanti al ministero dell’Economia, in via XX Settembre a Roma. Un presidio che in primo momento era continuato anche dopo l’incontro – che si era concluso con l’impegno del governo a riportarlo a 350 milioni – e che poi nel pomeriggio è stato definitivamente sciolto dopo l’ulteriore comunicazione di Delrio che ha concesso la disponibilità di ulteriori 50 milioni.

              Contemporaneamente all’incontro Delrio – Comitato 16 novembre, le due principali federazioni delle persone con disabilità, la Fand e la Fish*, sono state ricevute al ministero del Lavoro e delle Politiche sociali da Giuliano Poletti. Un colloquio che si è prolungato per circa due ore – molto di più della mezzora del colloquio di Delrio – e nel corso del quale anche dal titolare del dicastero del Welfare era arrivata in un primo tempo solo la rassicurazione di riportare il Fondo a quota 350 milioni. Cifra che non aveva soddisfatto le due federazioni, che avevano subito chiesto un ulteriore sforzo, così che fosse concesso un effettivo aumento del Fondo rispetto alla cifra stanziata lo scorso anno. Richiesta che è stata accolta subito dopo l’incontro e che è stata poi comunicata agli esponenti delle varie associazioni coinvolte.

              *Cui Anffas Onlus aderisce

              Per leggere l’articolo integrale clicca qui

              Per approfondire

              Leggi il comunicato stampa sull’argomento di Fish e Forum