Contatore delle Visite

Cerca

Blog

DiAlgieri

Il pregiudizio della Lega contro i disabili

Non più tardi di questa mattina la FISH ha additato con preoccupazione il crescente stigma e pregiudizio nei confronti delle persone con disabilità, annunciando un rinnovato impegno civico per un cambiamento culturale che coinvolga istituzioni e media.

Di quanto questa preoccupazione abbia basi reali, ha fornito una indegna prova l’onorevole Reguzzoni (Lega) proprio oggi presentando una mozione del suo partito apparentemente contro i “falsi invalidi”.

La mozione è infarcita di presupposti falsi, ampiamente infondati, violenti e volgari contro le persone con disabilità e contro le loro necessità. Afferma Reguzzoni che la spesa per le false invalidità tocca i 12 miliardi, una cifra talmente insostenibile da coprire di ridicolo lo stesso parlamentare e il suo partito. E cita a supporto inesistenti dati INPS che nemmeno il Ministro dell’Economia nei momenti di maggiore enfasi propagandistica si è sognato di avanzare. 12 miliardi di euro rappresentano la quasi totalità della spesa per le invalidità civili. Significa – a sentire Reguzzoni – che in Italia le persone con disabilità quasi non esistono.

Ma l’Onorevole leghista arriva sfrontatamente ad affermare che si tratta di “laute pensioni”. Anche qui l’incredulità non può che lasciare spazio allo sdegno, rammentando che la pensione per un invalido totale è di circa 250 euro al mese.

Quella spesa è un peso, secondo la Lega, per la società, per le aziende e per i lavoratori. Ovvio che Reguzzoni ignora, o vuol ignorare, cosa significhi essere disabile oggi, o che cosa comporti avere in famiglia una persona non autosufficiente.

“Le affermazioni, già pesanti se pronunciate – in stato di ebbrezza – in una qualsiasi bettola, assumono una valenza ancora più grave e razzista provenendo da un parlamentare, vieppiù membro di un partito di Governo. – replica Pietro Barbieri, presidente della FISH – È la riprova che quel pregiudizio contro le persone con disabilità, i più deboli, i diversi, sta permeando pericolosamente i gangli della nostra società. Bisogna agire. Subito!”

Guarda la video dichiarazione di Reguzzoni

 

19 aprile 2011

 

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap
www.fishonlus.it
www.facebook.com/fishonlus

DiAlgieri

EVENTO FORMATIVO Legge 328/2000

SABATO 16 APRILE  ALLE ORE 16,00  NEI LOCALI DELLA SEDE ANFFAS ONLUS CORIGLIANO , VIA DEGLI IRIS ,15 SCHIAVONEA , IL COORDINAMENTO ANFFAS ONLUS CALABRIA ORGANIZZA, IN COLLABORAZIONE CON ANFFAS ONLUS CORIGLIANO IL SEMINARIO DI FORMAZIONE :

 

 

 

LE PERSONE CON DISABILITA’ E LA L. 328/00

 

 

 

CON  L’AVV. FRANCESCO MARCELLINO  DEL FORO DI CATANIA, CENTRO STUDI E FORMAZIONE ANFFAS ONLUS.

 

 

 

Corigliano, lì 11.04.2011       

 

 

 

Coordinatrice Regionale Anffas Calabria
Maria Alesina

DiAlgieri

Pensioni e limiti reddituali: Proposta di Legge

La scorsa settimana la FISH ha espresso forti preoccupazioni rispetto alla Sentenza n. 4677 del 25 febbraio 2011 con la quale la Corte di Cassazione si è pronunciata affermando che il limite reddituale per la concessione di pensioni ed assegni agli invalidi civili non è quello strettamente personale ma va considerato anche quello del coniuge.

La Pronuncia, di segno opposto ad altre Sentenze della stessa Corte, è particolarmente preoccupante dato il clima di restrizioni e tagli nelle politiche a favore delle persone con disabilità.

La questione, al di là delle rilevanze giuridiche, è di natura schiettamente politica. Per questo motivo la FISH si è immediatamente attivata presso i Gruppi parlamentari proponendo la presentazione di una Proposta di Legge che definisca, una volta per tutte, l’interpretazione autentica del concetto di limite reddituale: si faccia riferimento – nel rispetto dello spirito originario delle norme – al solo reddito personale del disabile!

Hanno raccolto tempestivamente la Proposta della FISH gli onorevoli Amalia Schirru ed Augusto Battaglia che l’hanno presentata formalmente il giorno 24 marzo 2011 (in attesa di numerazione agli Atti della Camera).

“È già questo un primo risultato politico – commenta Pietro Barbieri, Presidente della FISH – : aver attirato l’attenzione su di una questione che può avere effetti drammatici per migliaia di persone con disabilità. Ci auguriamo, assieme ai primi firmatari, che la Proposta raccolga ora una vasta adesione bipartisan e che venga approvata in tempi rapidi”.

La FISH seguirà da vicino le successive fasi di discussione parlamentare dandone conto alle migliaia di famiglie e persone interessate.

Leggi anche:
Una sentenza pericolosa: pensioni a rischio

 

29 marzo 2011

 

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap
www.fishonlus.it
www.facebook.com/fishonlus

DiAlgieri

Invalidità: le verifiche 2011

Nuova ondata di controlli a caccia di “falsi invalidi” o presunti tali. Nel 2011 ci saranno altre 250mila verifiche. Con il Messaggio 16 marzo 2011, n. 6763, l’INPS ha individuato un nuovo campione su cui svolgere le sue indagini. Sono le persone titolari di prestazioni economiche di invalidità civile, cecità civile, sordità civile con scadenza compresa tra il primo luglio 2011 e il 31 dicembre 2011, cioè persone per le quali è già prevista una revisione.

Sembrerebbe una soluzione di buon senso – sottoporre a controlli persone che comunque devono essere sottoposte a visita – ma non è tutto oro ciò che luccica.

“Sembra più che altro una ‘furbata’. – commenta Pietro Barbieri, Presidente della FISH – In questo modo l’INPS è certa di potersi vantare di un gran numero di revoche. È noto infatti che in fase di revisione, normalmente, un numero significativo di provvidenze vengono revocate, ma questo avviene già con le attività routinarie delle Aziende USL. Senza contare ben altri elementi discutibili della nuova azione INPS”.

Non è tutto, infatti : l’INPS controllerà in questi procedimenti solo l’invalidità civile, non lo stato di handicap, che rimane “a carico” della ASL. Quindi se anche l’handicap è rivedibile, il Cittadino dovrà sostenere due visite: una all’INPS e una all’ASL, con un disagio e uno sperpero di risorse.

Le visite su casi per i quali è già precedentemente prevista la revisione vengono effettuate da due medici, anziché dalla ordinaria Commissione di verifica, con costi inferiori per l’INPS, ma anche con minori garanzie per il Cittadino.

Inoltre l’INPS precisa che “in occasione delle verifiche straordinarie sulla permanenza dei requisiti nei confronti dei titolari di prestazioni di invalidità civile, non è possibile riconoscere una condizione di invalidità superiore a quella in precedenza determinata”.

Ciò significa che l’INPS – e sono forti i dubbi di liceità – non riconosce mai l’aggravamento. Per richiederne il riconoscimento, il Cittadino deve presentare una nuova istanza di accertamento e sottoporsi ad ulteriore visita di accertamento, anche in questo caso con disagi e sprechi.

“Se l’INPS riconoscesse gli aggravamenti e quindi concedesse ‘nuove’ provvidenze economiche – chiosa Barbieri – tradirebbe il mandato politico che ha ricevuto da Tremonti: tagliare, tagliare, tagliare!”.

Leggi anche il testo di approfondimento su HandyLex.org

 

30 marzo 2011

 

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap
www.fishonlus.it
www.facebook.com/fishonlus

DiAlgieri

Conferenza europea del volontariato: il Governo non la valorizza

Il 31 marzo e il 1 aprile si tiene a Venezia (Isola di San Servolo) la Conferenza europea “Sussidiarietà e volontariato in Italia e in Europa”, primo grande evento organizzato dal Ministero del Lavoro in occasione dell’Anno europeo del volontariato.

“È un’occasione perduta. Il Governo non l’ha affatto valorizzata”, è quanto affermano congiuntamente la FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap, il Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA) e Cittadinanzattiva.

Proprio a causa delle scelte del Ministero, il livello di partecipazione delle organizzazioni di volontariato e del terzo settore è molto compresso.

L’Osservatorio nazionale del Volontariato, insediatosi solo il 24 febbraio scorso, ha potuto contribuire ben poco al programma dell’evento. Lascia esterrefatti, poi, la decisione di limitare a solo 25 persone le presenze nei gruppi di lavoro previsti il primo giorno. Inoltre, i volontari che hanno voluto iscriversi alla conferenza attraverso il sito internet dell’evento sono stati accolti dalla singolare avvertenza “Sono consapevole che il luogo consente una capienza massima di 400 persone”. Chi verrà a Venezia, comunque, non avrà modo di prendere la parola, ma potrà fare solo da spettatore.

Certo è che i volontari avrebbero avuto molto da dire, per esempio sui profondi tagli subiti dalle politiche sociali negli ultimi anni, a discapito soprattutto delle categorie più svantaggiate. Al contrario, nel nutrito gruppo di relazioni e interventi previsti nella Conferenza, la voce del volontariato e del terzo settore italiani è assai modesta e manca quel pluralismo che sarebbe necessario su un tema cruciale come la sussidiarietà.

Ma il Governo vuole davvero incontrare i volontari? Incentivarne il protagonismo? Aprire una discussione trasparente sul presente e il futuro del volontariato? E, soprattutto, visto che è ormai in carica dal 2008, quando inizierà ad adottare le necessarie misure di sostegno alla partecipazione attiva dei cittadini, come gli impone la Costituzione?

FISH, CNCA e Cittadinanzattiva ritengono che, ancora una volta, si sia giocato al ribasso. Un vero peccato, perché quando il ministro Sacconi afferma che il volontariato è una grande risorsa per il Paese, dice il vero. Basterebbe garantirgli lo spazio per dimostrarlo.

Visita il sito ufficiale della Conferenza europea “Sussidiarietà e volontariato in Italia e in Europa”

 

31 marzo 2011

 

FISH – Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap
www.fishonlus.it
www.facebook.com/fishonlus

DiAlgieri

Servizio Assistenza Domiciliare per persone non autosufficienti

Il Comune di Corigliano, distretto socio sanitario informa, la Cittadinanza  che nell’ambito territoriale afferente al Distretto Socio-Sanitario  di Corigliano Calabro  si  promuove  l’attivazione di servizi assistenziali domiciliari destinati a n. 20 soggetti non autosufficienti e alle loro famiglie – durata mesi 10 –    di cui n. 15  residenti nel  comune di Corigliano Calabro, n.2 residenti a  San Demetrio Corone, n.1 residenti  a  San Giorgio Alb. ,  n. 1  residenti a Vaccarizzo e n. 1  residente a  San Cosmo Alb. .

 

Possono presentare domanda tutte le persone non autosufficienti  che  presentano i seguenti requisiti:

·         Residenza  nei Comuni  di: Corigliano Calabro, San Cosmo Alb., San Demetrio, San Giorgio Alb. e Vaccarizzo;

·         Non essere ricoverate in un istituto pubblico o privato convenzionato;

·         Essere in possesso della documentazione rilasciata dalle competenti Commissioni medico-legali dell’ASP e   relativa al riconoscimento  dell’ impossibilità a compiere gli atti quotidiani della vita ovvero impossibilità a deambulare ( Verbale Commissione I Istanza  e/o Accertamento  della situazione  di handicap grave ai sensi dell’art. 3 / comma 3 della Legge 104/92)

 

La domanda, corredata dalla  documentazione di cui sopra,  potrà essere presentata, compilando apposito modulo entro il  giorno 15 aprile  2011, dai cittadini interessati .

Per  ulteriori informazioni e per l’acquisizione della  modulistica  gli interessati  potranno rivolgersi al

·         Sportello Sociale  del Comune di Corigliano Calabro, via Aldo Moro.

      Numeri tel. : 0983/83851 –  0983/81232 – 0983/81906 – 0983/891806

·         Responsabile Servizio Sociale Comune di San Cosmo Alb. – Tel.  0983/84060

·         Responsabile Settore Socio-culturale  Comune di San Demetrio  – Tel.  0984/956003

·         Responsabile Servizio Sociale Comune di San Giorgio Alb. – Tel.  0983/86396

·         Responsabile Servizio Sociale Comune di Vaccarizzo  – Tel.  0983/84010

 

La Graduatoria  dei richiedenti verrà redatta  in base  all’ordine cronologico di presentazione delle domande.

Priorità d’accesso:

Nella graduatoria verrà data  priorità assoluta agli utenti disabili  che vivono da soli senza adeguato supporto familiare e a quelli di età inferiore ai 65 anni.

DiAlgieri

“ANFFAS IN PIAZZA”

          Il 27 marzo torna l’appuntamento nelle principali piazze italiane

anffas in piazza - domenica 27 marzo 2011per sensibilizzare i cittadini sul tema della disabilità intellettiva e/o relazionale

 

Domenica 27 marzo torna, per il quarto anno consecutivo, l’appuntamento nelle principali piazze italiane con “Anffas in Piazza – IV Giornata Nazionale della Disabilità Intellettiva e/o Relazionale”, la manifestazione nazionale organizzata da Anffas Onlus – Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale.

 

Le strutture associative Anffas (che sono più di 240 in tutta Italia) scenderanno anche quest’anno in piazza per sensibilizzare ed informare i cittadini sui temi legati alla disabilità intellettiva e/o relazionale, distribuendo materiale informativo sulle attività dell’associazione, ma anche e soprattutto il materiale formativo prodotto, destinato alle persone con disabilità, ai loro genitori e familiari, ma anche ad operatori del settore, istituzioni, etc.

 

La giornata sarà dedicata in particolare a diffondere il nuovo modello di disabilità basato sui diritti umani contenuto nella Convenzione Onu sui diritti delle persone con disabilità che dal 2009 è Legge nel nostro Paese e che richiede un radicale cambiamento culturale e di approccio, da realizzarsi in attiva sinergia da parte dell’intera collettività.

 

L’iniziativa ha ottenuto il Patrocinio del Segretariato Sociale Rai.

 

Anffas-Onlus di Corigliano sarà presente dalle ore 09,30 presso il Parco Comunale in via Provinciale e via Nazionale nei pressi della chiesa Santa Maria delle Grazie.

 

   Il Presidente

Marinella Alesina