Contatore delle Visite

Cerca

Blog

Diadmin

STABILITÀ, POVERTÀ E DISABILITÀ: TIMORI INFONDATI?

Fonte comunicato tampa Fish* – Il disegno di legge di stabilità prevede interventi mirati alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale con la futura costituzione di uno specifico Fondo e l’elaborazione di un Piano che progressivamente garantisca livelli essenziali di assistenza (al momento non definiti).

“Chi come FISH si occupa di disabilità non può che essere sensibile ad interventi in questa direzione, ben sapendo che la stessa disabilità è uno dei primi determinanti della povertà, dell’impoverimento e dell’esclusione sociale. – dichiara Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – Poniamo, quindi, la massima attenzione a queste misure anche se i contorni non sono ancora ben definiti.”

Lo stesso disegno di legge, infatti, impone successivi provvedimenti legislativi “di riordino della normativa in materia di trattamenti, indennità, integrazioni di reddito e assegni di natura assistenziale o comunque sottoposti alla prova dei mezzi, anche rivolti a beneficiari residenti all’estero, nonché in materia di accesso alle prestazioni sociali, finalizzati all’introduzione di un’unica misura nazionale di contrasto alla povertà e alla razionalizzazione degli strumenti e dei trattamenti esistenti.”

“Anche se in legge di stabilità gli intenti sono molto generici e non vi è una espressa delega al Governo a legiferare – prosegue Falabella – ci è noto che lo stesso Governo, su tali temi, presenterà un collegato recante specifiche deleghe per regolamentare ciò che la legge di stabilità delinea: una riforma complessiva delle provvidenze assistenziali.”

Di qui i timori di FISH: “Le nostre aspettative sono rivolte a ulteriori sostegni all’inclusione sociale delle persone con disabilità e al contrasto al loro impoverimento. Al contrario temiamo che questa istanza sia agli antipodi rispetto a quanto potrebbe accadere e cioè che si colga l’occasione per trasferire parte delle provvidenze attualmente erogate per l’invalidità alle misure per la povertà. Oppure che nulla si preveda per chi si trova in stato di indigenza che già percepisca indennità di accompagnamento o una pensione di invalidità civile. Si perderebbe così l’occasione di ripensare in modo equo l’attuale sistema di welfare e di protezione sociale.”

Prima che si diffondano informazioni distorte o, peggio, che si concretizzino i timori palesati, FISH chiede una netta precisazione al Governo e il coinvolgimento già in questa fase di elaborazione di norme di estremo rilievo per milioni di italiani.

*Cui Anffas Onlus aderisce

    Diadmin

    UN CARTOON PER RICONOSCERE I SEGNALI PRECOCI DELL’AUTISMO

    Fonte – www.vita.it – Jacob è un bambino che non ama guardare negli occhi le altre persone, a cui le luci danno molto fastidio, che tende a ripetere alcuni gesti e che praticamente non parla. Jacob è il bambino-pupazzetto protagonista dei nuovi spot di Autism Speaks, insieme a Ad Council e BBDO New York. Qualche giorno fa hanno lanciato una campagna di spot di “pubblicità progresso” (negli USA public service advertisements-PSAs) per formare i genitori a riconoscere i segnali precoci di autismo, così da individuare precocemente possibili problemi e avviare tempestivamente una diagnosi e un supporto. In America la campagna Learn the Signs è stata lanciata nel 2006 e la pagina web indica con estremo dettaglio le tappe evolutive che ogni bambini dovrebbe raggiungere quasi mese per mese, segnalando i comportamenti che potrebbero essere campanelli d’allarme per l’autismo.

    Da quando la campagna è stata lanciata, dice il sito di Autism Speaks, la consapevolezza delle famiglie è significativamente aumentata: nel 2006 il 40% dei genitori era in grado di indicare almeno un segno di autismo, oggi siamo al 49% e rispetto a dieci anni fa la percentuale di genitori che ha parlato di autismo con il proprio pediatra è cresciuta del 60%. Secondo il Centers for Disease Control and Prevention oggi l’autismo viene diagnosticato in media a 4-5 anni, ma una diagnosi potrebbe già essere fatta a 18-24 mesi e avviare un intervento in tempi così precoci darebbe risultati molto importanti.

    È la prima volta che una campagna utilizza il linguaggio dell’animazione in 3D, con personaggi e pupazzi costruiti davvero e inseriti in un set d’azione. La storia di Jacob è stata di ispirazione per gli spot, realizzati in partnership con Lobo Production, attraverso interviste con Jacob e la sua famiglia: Jacob stesso – che ha avuto la diagnosi di autismo a 4 anni – nello spot parla. «I genitori oggi hanno più conoscenze sull’autimo di mai, ma dobbiamo continuare a educarli sull’importanza vitale dell’identificazione precoce, della diagnosit e dell’intervento tempestivo» ha detto iz Feld, president of Autism Speaks. «Raccontare una storia dalla prospettiva di un bambino significa non solo informare i genitori sui “campanelli di allarme” e metterli in azione, ma anche promuovere una migliore comprensione dell’autismo fra la popolazione».

    Per poter vedere il video ufficiale della campagna clicca qui. Per il video del backstage clicca qui.

    Per approfondire l’argomento leggi qui l’articolo tratto da Corriere.it/Salute dal titolo “Tra i Muppet arriva Julia, bambina simpatica e allegra (con autismo)”

      Diadmin

      PER GLI STUDENTI CON AUTISMO ARRIVA IL METODO NEST

      Fonte www.west-info.eu – La Danimarca è il primo paese europeo, dopo gli USA, a sperimentare per gli studenti con autismo il metodo NEST, un’innovativa forma di inclusione scolastica che prevede classi (dall’asilo alle superiori) con 1 alunno con autismo ogni 3 studenti. Una percentuale elevatissima pensata come strumento di inclusione scoalstica di questi ragazzi tra i banchi di scuola, grazie anche alla supervisione di due insegnanti con una formazione fuori dai soliti schemi basata su una speciale didattica che prevede una precisa divisione dell’aula per aree di attività. Cosa che implica, ad esempio, che gli alunni si riuniscano al centro della sala quando si preparano per iniziare qualcosa di nuovo.

        Diadmin

        PIÙ ATTENZIONE PER LA NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

        Fonte www.personecondisabilita.it – Mentre fervono i lavori in Regione Lombardia per la messa a punto della riforma del sistema socio-sanitario della Regione stessa, «vi è tuttavia un “pezzetto” della salute dei cittadini lombardi – viene sottolineato dalla LEDHA, la Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, che costituisce la componente regionale della FISH* (Federazione Italiana per il Superamenro dell’Handicap) – e in modo particolare di quelli più giovani, che rischia di restare in un angolo. Si tratta del sistema delle Unità Operative di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (UONPIA)».

        Per questo motivo, dunque, la stessa LEDHA ha inviato un documento alla Regione, chiedendo di dedicare una particolare attenzione alle UONPIA, per meglio specificarne il ruolo, le funzioni, i compiti e le risorse, dal momento che si parla di «servizi che rispondono ai bisogni di una fascia di popolazione molto più ampia e differenziata rispetto a quella tipica dei servizi di Salute Mentale».

        «Noi – dichiara il presidente della LEDHA Alberto Fontana – chiediamo da sempre per tutte le persone con disabilità una presa in carico globale e continuativa, che superi la frammentazione degli interventi e garantisca tempestività d’intervento. Questo passaggio, però, è ancora più importante per i bambini e i ragazzi con disabilità che afferiscono alle Unità Operative di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che rappresentano un tassello essenziale. Le UONPIA svolgono infatti un ruolo cruciale per i processi di inclusione sociale e scolastica di molti bambini e ragazzi con disabilità e la necessità di una particolare attenzione è dovuta anche al particolare stato di sofferenza di questi servizi, che si trovano a far fronte a richieste e bisogni sempre più ampi e differenziati, potendo contare su risorse materiali e culturali non adeguate».

        L’iniziativa della LEDHA prende le mosse dall’osservazione delle difficoltà quotidiane di tante famiglie che non riescono ad accedere ai servizi, dalle loro associazioni territoriali, ma anche dalla stessa Società Scientifica di riferimento, la SINPIA (Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza), che di recente ha pubblicato un interessante documento di analisi e riflessione, riguardante proprio la situazione reale delle UONPIA nella Regione Lombardia.

        «Chiediamo – spiega a tal proposito Antonella Costantino, presidente della SINPIA – che venga tenuto conto del fatto che la Neuropsichiatria Infantile si occupa sia dell’area neurologica, sia di quella psichiatrica, sia della disabilità in età evolutiva. Si tratta cioè di un àmbito molto vasto e non bisogna rischiare di perderne dei pezzi per strada».

        «Un’attenzione speciale da parte del Legislatore su questo tema – aggiunge Costantino – è tanto più urgente, dal momento che l’organizzazione di questi servizi è molto fragile e tenendo conto del fatto che dobbiamo affrontare quotidianamente una sproporzione rilevante tra i bisogni e le risorse a disposizione. Le richieste, infatti, sono in aumento e il personale è stabile o in diminuzione, cosicché gli utenti che non trovano risposte ai loro bisogni nel servizio pubblico, sono costretti ad andare a cercarle nel privato».

        Per tutti questi motivi, dunque, la LEDHA ha chiesto Terza Commissione del Consiglio Regionale Lombardo di impegnarsi a definire e rispettare standard organizzativi e dotazione di risorse, che prevedano lo stretto raccordo con l’area pediatrica, per migliorare la precocità della diagnosi e facilitare la gestione congiunta nel tempo; senza dimenticare l’adeguata presenza di personale e di un direttore per ogni UONPIA.

        La Federazione lombarda ha chiesto inoltre di garantire «la stretta integrazione tra i servizi di Neuropsichiatria infantile e gli altri servizi sanitari, in modo particolare quelli riabilitativi, i servizi sociali comunali, le scuole e le altre agenzie sociali ed educative pubbliche e del Terzo Settore presenti sul territorio». 

        *Cui Anffas Onlus aderisce

        Per ulteriori informazioni e approfondimenti: ufficiostampa@ledha.it

          Diadmin

          MANCATO SOSTEGNO ALUNNI CON DISABILITÀ, IL PROBLEMA ARRIVA IN PARLAMENTO

          Fonte www.edscuola.eu“E’ ora di finirla sulla mancata copertura delle ore di sostegno”, ha detto il 28 ottobre la senatrice Laura Bignami (Movimento X) che ha trasformato “in interpellanza a procedimento abbreviato un’interrogazione che aveva presentato al MIUR qualche giorno prima dell’inizio dell’anno scolastico e alla quale non è pervenuta nessuna risposta”. La Bignami ha anche chiesto che vengano resi pubblici “i dati relativi alle ore di sostegno richieste e a quelle concesse agli studenti e agli alunni con disabilità nelle scuole italiane di ogni ordine e grado, suddivisi per regione e per provincia”.

          “L’interpellanza – spiega la senatrice – è stata sottoscritta da 40 senatori e non vuole essere un attacco politico al governo, ma semplicemente una pretesa di chiarimento utile a verificare l’efficienza della tanto incensata “Buona scuola”. Chiedo a gran voce che sia data risposta alle mie semplici domande”. “Senza la conoscenza di questi dati – conclude Bignami – mi domando come il governo possa avviare una seria riforma del sostegno”.

          Una denuncia analoga è giunta, nella stessa giornata, dai i parlamentari M5S in commissione Cultura di Camera e Senato, che hanno presentato un’interrogazione al ministro dell’Istruzione, in cui sollecitano la responsabile del Miur a risolvere il caso, sollevato dall’agenzia Adnkronos, della piccola Gaia, la bambina leccese affetta da Sma1 e alla quale è stata negata la maestra di sostegno nei primi giorni di scuola, poi sostituita da un’altra insegnante ma priva di specializzazione.

          “Sono molti, troppi, i casi di alunni con disabilità che, nonostante abbiano diritto allo studio al pari degli altri, di fatto non hanno la possibilità di svolgere con regolarità e costanza le lezioni a causa della mancanza di un numero adeguato di insegnanti di sostegno”, hanno detto i ‘grillini’, commentando l’interrogazione depositata alla Camera e a prima firma dell’on. Maria Marzana. “Per eliminare quella che è una vera e propria discriminazione chiediamo al ministero dell’Istruzione quali iniziative intenda adottare per garantire il diritto allo studio a tutti gli alunni con disabilità e se intenda provvedere all’immissione in organico dei docenti specializzati sul sostegno, anche non presenti nelle graduatorie ad esaurimento o nelle graduatorie di merito, e quindi procedere all’assunzione di coloro i quali sono presenti nelle graduatorie d’istituto”.

          La denuncia è stata raccolta anche dall’Anief, secondo cui “i 6.446 posti assegnati con la fase C del piano assunzioni della Buona Scuola non sono bastati a risolvere il problema”.

          L’Anief ha ricordato che “dovendo mantenere il rapporto 1 docente ogni 2 studenti, come ribadito dalla sentenza della Consulta n. 80/2010, che annullando i commi 413 e 414 dell’art. 2 della Legge 244/2007, è evidente che il Governo e il Miur avrebbero dovuto superare il vincolo del 70% dell’organico di diritto previsto dalla Legge 128/2013, approvato mentre era Ministro dell’Istruzione Maria Chiara Carrozza. Perché quella norma si basava su un numero massimo di assunzioni pari a 90mila docenti, nel frattempo tutti immessi in ruolo, rifacendosi ad un contingente di iscritti disabili risalente al 2006. Nel frattempo, però, gli alunni che necessitano del docente a supporto sono passati da 180mila a 240mila”.

          “Nemmeno la legge delega di riforma del sostegno, affidata dalla Legge 107 al Governo, può essere una soluzione al problema cronico della mancanza di tanti docenti specializzati nel supporto agli alunni con disabilità”, ha detto Marcello Pacifico, presidente Anief e segretario confederale Cisal. “Prima di tutto perché vedrà la luce solo tra un anno, quindi, lasciando scoperto almeno l’attuale anno scolastico, e in secondo luogo perché non è compito diretto della nuova legge farsi carico della mancanza di autorizzazioni ministeriali per la stabilizzazione dei docenti di sostegno. Il problema va risolto dove è nato: in Parlamento, dove oggi sono stati portati i numeri corretti. In attesa che il legislatore si decida a sanare il tutto – ha concluso Pacifico – sarà cura dei tribunali far rispettare i diritti dei ragazzi disabili e delle loro famiglie”.

            Diadmin

            IL FORUM DEL TERZO SETTORE SULLA LEGGE DI STABILITÀ 2016

            Fonte comunicato stampa Forum Terzo Settore* – Con la Legge di Stabilità 2016 viene confermata l’intenzione del governo di avviare un Piano nazionale di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale con una dotazione di 600 milioni per il 2016 e poi 1 miliardo a decorrere dal 2017. Il lavoro dell’Alleanza contro la povertà in Italia, che abbiamo portato avanti in questi anni, ha certamente sortito i suoi effetti ed il tema entra finalmente nell’agenda politica. Aver costituito una misura strutturale è un primo risultato e l’inizio di un percorso che, ad ogni modo, necessita di essere implementato nelle risorse a partire dal 2016, portando il fondo almeno ad 800 milioni, per essere poi reso gradualmente universale. In parallelo a questo il piano per interventi sulla povertà assoluta di minori, di intesa con le Fondazioni di origine bancaria, per 150 milioni di euro per 3 anni.

            Aspettiamo di capire quali misure saranno messe in atto rispetto a questo Fondo.

            Bene l’istituzione di un Fondo per finanziare la legge sul “Dopo di noi” (leggi cliccando qui il commento del presidente nazionale Anffas Onlus) importante segnale di attenzione alle persone con disabilità e ai loro familiari, anche se il provvedimento deve cogliere con chiarezza l’interruzione di ogni forma di segregazione.

            Bene anche l’istituzione di un Fondo dedicato alle adozioni internazionali, con una dotazione di 15 milioni annui a decorrere dal 2016; risorse che, tuttavia, saranno detratte dal Fondo Famiglia, già ridotto ai minimi termini. Cresce finalmente anche il Fondo per la cooperazione internazionale con un incremento di 120 milioni per il 2016, che diventano 360 per il 2018, e vengono stanziati 50 milioni per il Fondo per le ludopatie.

            Misure positive che finalmente incrementano l’investimento sul welfare in maniera significativa – ma non ancora sufficienti per ridurre lo spread con la media dell’Unione Europea -, accompagnate da altre che restano sostanzialmente invariate rispetto agli anni passati (come il Fondo per la non autosufficienza). In alcuni casi ci troviamo di fronte a sconti e tagli sul sociale che ci preoccupano fortemente, come quello al Fondo Infanzia ed adolescenza che, paragonato agli scorsi anni, è praticamente inesistente. O le promesse sul servizio civile, al momento disattese con 115 milioni per ciascuno degli anni 2016, 2017, 2018 che sono insufficienti a far partire quei 100 mila giovani auspicati dallo stesso Premier, e che rappresentano una speranza per il nostro futuro. Segnaliamo anche la riduzione delle risorse a CAF e Patronati, rispettivamente di – 100 e di 48 milioni, gestiti anche dalle nostre organizzazioni e che per circa il 40% operano sul sistema di welfare.

            Confidiamo nella discussione parlamentare per migliorare alcuni passaggi che rischiano di colpire, o perlomeno non favorire, i cittadini più a rischio di marginalizzazione, accrescendo il senso di disgregazione sociale che ha invece bisogno di essere rafforzato.

            Per approfondire

            Leggi l’articolo “Le politiche sociali nel Ddl di stabilità 2016”

            *Cui Anffas ONlus aderisce

              Diadmin

              CINQUE PER MILLE PER GLI ANNI 2012 E 2013

              Fonte www.lavoro.gov.it – È possibile consultare gli elenchi dei beneficiari del cinque per mille per i quali è stato disposto il pagamento per gli anni finanziari 2012 (154 enti nel 4° elenco) e 2013 (40 enti nel 1° elenco e 30.917 enti nel 2° elenco).

              Per l’anno 2012 si ricorda che sono disponibili gli elenchi degli enti che non hanno comunicato le coordinate bancarie per l’accredito (elenco dei beneficiari privi di IBAN – NoIBAN).

              Per approfondimenti

              • vai alla Sezione dedicata ai pagamenti 2012

              • vai alla Sezione dedicata ai pagamenti 2013

              • vai all’ elenco dei beneficiari privi di IBAN (NoIBAN) 2012